Contact us at transcrime@unicatt.it Milano

Milan

Largo Gemelli 1, 20123 Milano
Ph. +39 02 7234 3715/3716
Fax +39 02 7234 3721
transcrime@unicatt.it

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa ai sensi dell’articolo 23 del Codice in materia di...
Latest tweet:

<

12.30.2014


Ernesto U. Savona
Stefano Caneppele
Martina Viganò
Serena Favarin

Rapporto sicurezza_copertina
ISBN code:
978-88-8443-632-0
With the financial support of:
Provincia autonoma di Trento
Citazione corretta:

Caneppele, Stefano, Martina Viganò e Serena Favarin. Dieci anni di criminalità in Europa, Italia e Trentino. Trento: Transcrime – Università degli Studi di Trento, 2015

Dieci anni di criminalità in Europa, Italia e Trentino

Questo Rapporto sulla sicurezza nel Trentino esce a distanza di tre anni dall’ultimo aggiornamento sulla situazione della sicurezza provinciale.

Lo fa utilizzando una formula che combina tre piani diversi (il livello europeo, il livello nazionale e il livello locale) in una serie storica decennale. Si tratta di una scelta strategica per capire come i fenomeni criminali si stiano evolvendo e come gli andamenti locali della criminalità risentano e/o ripetano tendenze comuni ad altre realtà, italiane e non.

Spesso negli ultimi anni si è detto che il Trentino non è più un’isola felice e che le condizioni di sicurezza, tipiche di questo territorio, stanno deteriorandosi.
Si tratta di un’affermazione vera solo in parte guardando ai dati. La criminalità violenta, infatti, diminuisce ma i furti in abitazione, il reato più allarmante, aumentano considerevolmente. Dal 2009 al 2013 i furti in abitazione sono quasi triplicati.

Le cause di questo aumento non vanno tanto ricercate negli ambienti della criminalità locale ma sono legate a dinamiche di mobilità criminale di livello nazionale ed europeo che richiedono un’azione concertata da parte delle agenzie di controllo di diversi paesi. In tutto questo, di fronte a fenomeni transnazionali, ci si interroga su quale possa essere il ruolo di enti ed istituzioni locali che hanno tra i propri obiettivi quello di garantire la sicurezza dei propri cittadini.

Le risposte più efficaci di fronte ai nuovi problemi emergenti passano attraverso alcune indicazioni che si stanno consolidando anche a livello internazionale. In primo luogo è necessario un rafforzamento della cooperazione tra pubblico e privato nell’attività di prevenzione.

10
October
2019
Rome

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA – Professor Savona presents a report on ‘New markets, economies and financial transaction instruments’.

24
September
2019
Naples

CONVEGNO ‘RI-CONOSCERE IL RADICALISMO IN ITALIA’ – Professor Savona presents a report on ‘A European approach to the risk of radicalization in prison’.

19
September
2019
Ghent

19th ANNUAL CONFERENCE OF THE EUROPEAN SOCIETY OF CRIMINOLOGY – Professor Savona and Professor Calderoni present the final results of the European project Proton.

Agenda
18
September
2019
Ghent

PROTON FINAL CONFERENCE – Professor Savona and Professor Calderoni present the final results of the European project Proton in Ghent.

Agenda
3
September
2019
Cambridge

THIRTY-SEVENTH INTERNATIONAL SYMPOSIUM ON ECONOMIC CRIME – Professor Savona speaks on “Transparency an effective tool in fighting crime?” at Jesus College.

25
July
2019
Naples

SUMMER LAW SCHOOL ON TRANSNATIONAL ORGANIZED CRIME (ELSA) – Prof. Savona presents a report on UN Convention on Transnational Organized Crime at Università di Napoli Federico II.

18
July
2019
Vienna

UNODC MACRO/Expert group – Prof. Savona gives a report on “From Mexico to Balkans: framing data collection on organized crime”.

8
July
2019
Bruxelles

EUROPEAN COMMISSION – Prof. Savona participates in the meeting of national anti-corruption experts.

26
June
2019
Tallinn

12th EU EXPERIENCE SHARING PROGRAMME WORKSHOP – Professor Savona presents a paper on “Assessing the risks of infiltration of Organised Crime in the legitimate economy: tools and remedies in the procurement sector”.

26
June
2019
Montréal

ILLICIT NETWORKS WORKSHOP – Professor Francesco Calderoni presents the Agent Based Model of the Proton project on the recruitment of organized crime.